Salta al contenuto principale
5 per mille 2019

5 per mille 2019

Elenco permanente cinque per mille
L’articolo 1 del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 7 luglio 2016 ha semplificato gli adempimenti per l’ammissione al riparto della quota del 5 per mille.

In particolare, gli enti che hanno regolarmente adempiuto alla presentazione della domanda di iscrizione e della dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà relativa alla persistenza dei requisiti di ammissione al contributo negli anni 2016, 2017 e 2018 sono inseriti nell’elenco integrato, aggiornato e pubblicato sul sito dell’Agenzia il 29 marzo 2019.

Gli Enti inseriti in questo elenco non sono tenuti a trasmettere nuovamente la domanda telematica di iscrizione al 5 per mille e a inviare la dichiarazione sostitutiva alla competente amministrazione, in quanto la domanda di iscrizione e la dichiarazione sostitutiva regolarmente presentata esplicano effetti anche gli anni successivi se le condizioni permangono le medesime.
Si intendono regolarmente iscritti anche gli enti che hanno usufruito della remissione 'in bonis' nel 2018.

Controlla l'elenco



ATTENZIONE - cosa fare se ci sono delle modifiche?
Eventuali errori rilevati nell’elenco permanente degli iscritti possono essere correttientro il 20 maggio 2019, dal legale rappresentante dell’Ente richiedente, oppure da un suo delegato, presso la Direzione regionale dell’Agenzia delle entrate territorialmente competente.
La dichiarazione sostitutiva inviata nel 2018 perde efficacia in caso di variazione del rappresentante legale. Il nuovo rappresentante deve provvedere, a pena di decadenza, a sottoscrivere e trasmettere una nuova dichiarazione con l’indicazione della data della sua nomina e di quella di iscrizione dell’ente alla ripartizione del contributo.
È necessario allegare, a pena di decadenza, una copia del documento del nuovo rappresentante legale dell’ente.

La nuova dichiarazione sostitutiva deve essere inviata (tramite raccomandata con ricevuta di ritorno o tramite la casella PEC del rappresentante legale) all’amministrazione competente per categoria, nei termini previsti dal DPCM 23 aprile 2010.
Per gli enti del volontariato il termine per l’invio della dichiarazione sostitutiva è il 1 luglio 2019
In caso di sopravvenuta perdita dei requisiti, il rappresentante legale dell’ente è tenuto a sottoscrivere e trasmettere all’amministrazione competente, con le medesime modalità della dichiarazione sostitutiva, la revoca dell’iscrizione.
Qualora il contributo sia stato indebitamente percepito in assenza di revoca si applicano le disposizioni di cui all’art.13 del DPCM 23 aprile 2010 (testo aggiornato con il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 7 luglio 2016).

Scarica qui la dichiarazione sostitutiva per variazione legale rappresentante



Modalità di accesso al contributo per soggetti non inseriti nell’elenco pubblicato dall’Agenzia delle Entrate
Nessuna modifica è stata introdotta dal decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 7 luglio 2016 alla procedura di iscrizione per gli enti che richiedono per la prima volta l’accesso al contributo ovvero per gli enti che non sono inseriti nell’apposito elenco pubblicato il 29 marzo e sono, pertanto, tenuti a porre in essere la procedura di iscrizione al beneficio

La domanda di iscrizione e la successiva documentazione integrativa devono essere presentate con le modalità e i termini seguenti:

scadenze 5 per mille2019

Scarica qui la domanda di iscrizione 
Scarica la dichiarazione sostitutiva


Modalità di iscrizione 

la domanda d’iscrizione nell'elenco degli Enti beneficiari del 5 per mille 2019 dovrà essere presentata per via telematica, utilizzando il prodotto informatico è stato reso disponibile e scaricabile dal sito dell'Agenzia delle Entrate

Ne consegue che la relativa domanda potrà essere inoltrata:

  • da soggetti abilitati ai servizi fisconline (in possesso di pin code);
  • da intermediari abilitati alla trasmissione telematica, secondo le vigenti disposizioni di legge.


Obbligo di rendicontazione
Anche per l'anno 2019, i beneficiari del 5 per mille saranno obbligati a redigere, entro un anno dall'avvenuto incasso del contributo, un apposito e separato rendiconto indicante la destinazione delle somme percepite. Si ricorda che sono tenuti al rendiconto unicamente gli Enti che avranno ricevuto un importo superiore a 20.000 euro.
Tale rendiconto andrà trasmesso all'Amministrazione competente (Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali) per l'erogazione del contributo.

Scarica il modello di rendiconto
 

Cosa offre il CST Novara e VCO
Il CST offre gratuitamente agli Enti della provincia di Novara e del VCO, accreditati presso il CST, il servizio di invio telematico della modulistica per l'inserimento negli elenchi del 5 per mille.

L’Ente dovrà:

  • compilare il modello di iscrizione 5 per mille in tutte le sue parti
  • allegare una fotocopia della carta d'identità del presidente dell’ETS

Per chi volesse avvalersi del servizio del CST per l’invio delle domande, tutta la modulistica indicata dovrà essere consegnata ad una delle sedi/sportelli territoriali del CST entro e non oltre le ore 13.00 di venerdì 3 maggio 2019.